dall'Aprile 1995...

APPELLI MEDICI URGENTI
1995


Questa pagina, a cura dell'Associazione Scientifica
per l'utilizzo interdisciplinare delle tecnologie multimediali ~ FATA Team,
è un contributo alla ricerca scientifica a favore delle persone più bisognose.

Si ricorda che gli Appelli devono esserci indirizzati preferibilmente da Medici,
per poter disporre di corretti elementi valutativi:
se l'appello dovesse partire da privati e' consigliato farlo redigere da un Medico.

Adelio Schieroni


Potete inviare i Vosti Appelli anche in Inglese e Francese
al fine di aumentare le possibilita' di aiuto.
Al servizio del Cittadino
[Infomed] Questo servizio e` rilanciato in rete da:

Progetto di Comunicazione Globale

realizzato da See in collaborazione con
Associazione Scientifica FATA Team
nel contesto del
Progetto Distance Learning
del Network Internazionale EgoCreaNET
Laboratorio di Ricerca Educativa, Facolta` di Scienze, Universita` di Firenze

Diffondete questi Appelli Grazie


Questi sono gli Appelli pubblicati nel 1995


<- appelli anno 1996
appelli anno 1997 ->


Infomed
medicina ad salutem reducere


14 dicembre 1995

Carlo Conserva ci scrive:

Vi giro il seguente messaggio:

Sender: "Anatoly A. TOKAR" (tokar@zoomus.freenet.kiev.ua)
Subject: Help ill child in Ukraine

Dear Friends, I live in Kiev, Ukraine.
My friends have a very ill girl, 6 years old. An inflammation of kidneys was suspected first.
Last year she passed through a surgery and one kidney was removed, however since that time she remains very ill, having high temperature.
She is moving from hospital to hospital, the diagnosys changes every time and no progress ...
This is to ask - if you can help this family with medical diagnostic and treatment abroad ?

Thank you in advance for reply!

If you want you can send your information to:

Anatoly Tokar

Istituto Ortopedico Gaetano Pini - Milano


13 dicembre 1995

Rilanciamo il seguente messaggio:


COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO (Milano)

Assessorato Sanita'’ e Servizi Sociali

Assessorato P.I. e Cultura

organizzano unicamente alla Parrocchia di Vedano al Lambro, alle Scuole Materna, Elementare e Media e con la collaborazione delle Associazioni: Amici dell'Unitalsi, AIDO-AVIS, Caritas, Pace Fatta, Comitato Pro Bosnia ARPA una

raccolta straordinaria Natalizia di medicinali e di materiale igienico/sanitario

CENTRO DI RACCOLTA

CASA DEL GIOVANE
Via S. Stefano, 4
20057 Vedano al Lambro (MI)

aperto dal 9/12 al 30/12/1995

nei giorni di:
MARTEDI-GIOVEDI-SABATO-DOMENICA
dalle ore l0 alle ore 12
dalle ore 15 alle ore 19

Il materiale raccolto verra’' inviato alle associazioni di volontariato di:

che hanno espressamente richiesto, ancora una volta, la solidarieta' della cittadinanza vedanese, gia' ampiamente dimostrata con le iniziative dei mesi di luglio ed agosto u.s.

Si invitano tutti i cittadini, soprattutto in occasione del NATALE, a non dimenticare che un aiuto puo' far rinascere una speranza per queste popolazioni cosi’ duramente martoriate dalla guerra.

Eventuali fondi a sostegno di queste popolazioni potranno essere versati sui seguenti c/c:

c/c 34565200 Caritas Pro Bosnia
c/c 566000 CRI per la ex Jugoslavia (Ho bisogno di te)

Grazie per la collaborazione.


10 dicembre 1995

Abbiamo ricevuto il seguente Appello:

Seguiamo un bambino di 10 anni affetto da glioblastoma ponto-cerebellare, metastatizzato alla regione anteriore di entrambi i ventricoli laterali. Non hanno avuto successo: 1) un intervento chirurgico, limitato a resezione parziale; 2) radioterapia; 3) terapia sperimentale con anticorpi monoclonali.

Chiediamo suggerimenti per un ulteriore tentativo di trattamento (TNF ? Tamoxifen ? Altro ?).

Dr Michele Del Guerra

Dr Guido Piai Marcianise - Caserta (ITALY)

E-Mail: gpiai@ce.flashnet.it


1 dicembre 1995

Abbiamo ricevuto il seguente Appello:

Chiedo aiuto affinche' si possa stabilire una cura per una persona di 29 anni, maschio, che e' affetta da: ipotrofia ed ipostenia agli arti superiori; il male e' insorto dapprima a destra distalmente nove anni fa con andamento ingravescente fino al coinvolgimento della muscolatura prossimale omolaterale; a due anni di distanza, una sintomatologia analoga si e' manifestata all'arto superiore controlaterale sempre con andamento disto-prossimale.

Si suppone sospetta malattia del II neurone di moto.

Il quadro clinico e' visibile all'indirizzo web:

http://www.cli.di.unipi.it/~moro/ciccio/ciccio.html

per cui se qualcuno fosse in grado di dare un aiuto, in qualunque modo, puo' anche inviarmi una mail all'indirizzo: moro@cli.di.unipi.it

Grazie
Lorenzo


1 dicembre 1995

Miriam, gemella di 10 mesi, soffre di atrofia muscolare spinale.

Di seguito si riporta il Referto dell'analisi molecolare:

"L'esame della sequenza nucleotidica ha rilevato in uno degli esoni 7 della copia centrometrica del gene un'inserzione di una base nell'introne 6,24 bp prima dell'esone 7 del gene SMN (Sopravvivenza Moto Neuroni)"

Saremmo grati se poteste aiutarci a trovare Istituti (in qualsiasi parte del Mondo) in grado di affrontare questa malattia.

Rilanciate questo appello!

Inviate le Vostre informazioni o direttamente a staff@ba.dada.it oppure a fatateam@www.see.it specificando nel subject MIRIAM.



Desidererei ricevere informazioni su trattamenti alternativi alla chirurgia in un caso di"Protusione Discale Globale con impegno dei forami di congiunzione bilaterale e Stenosi del canale" in una paziente che presenta una grave insufficenza respiratoria, una pancreatite con milasi altissima e una Clerance renale a 26 (valori sui quali non si è stati in grado di fare una diagnosi!).

La patologia ortopedica da Lei segnalata non lascia spazio ad alternative diverse dal trattamento chirurgico. Forse, pero' potrebbe trovare un aiuto per alleviare la sintomatologia dolorosa presso uno specialista in terapia del dolore.



Ad un ragazzo di 27 anni, cadendo da un albero, un pezzo di legno dello stesso gli ha procurato un taglio alla gola.

Dopo i relativi esami, la diagnosi medica e' stata: Trombosi post-traumatica della carotide interna destra.

Gradirei avere delle informazioni riguardo centri specializzati in Italia. Inoltre, se e' possibile, vorrei conoscere i rischi a cui si va incontro con un eventuale intervento chirurgico.

Nel ringraziarvi vi porgo cordiali saluti.

Le consigliamo di mettersi in contatto con il reparto di Chirurgia Vascolare del Policlinico di Milano (Prof. Ruberti) Oppure con l'Ospedale clinicizzato S. Donato di San Donato Milanese (MI)


24 novembre 1995

Ci e' giunto il seguente appello, che rilanciamo:

Il piccolo Mattia e' un bambino che ha bisogno dell' aiuto di tutti, e' stato indirizzato alla Clinica Pediatrica di Brescia per accertamenti riguardo una sospetta glicogenosi: una rara malattia molto grave.

Chiunque sia in grado di dare informazioni su questa malattia o comunque un qualsiasi aiuto per Mattia puo' rivolgersi a :

BOL (Bergamo On Line) info@bergamo.vol.it


22 novembre 1995

Ci e' giunta la seguente richiesta:

Diagnosi: Panencefalite sclerosante subacuta di Von Bogaert, in paziente diciassettene in coma.

Chiediamo urgentemente informazioni sull'esistenza di un antivirale adatto per combattere questa patologia, con la possibilita' di ripristinare eventuali infiammazioni al cervello.

Attualmente al paziente vengono somministrati degli antivirali con alimentazione attraverso flebo; il giovane e' assistito attraverso tracheotomia per la respirazione.

Si prega di inviare questo messaggio anche ad altre realta' medico scientifiche e di ricerca.

A seguito della Vostra richiesta, si comunica che il trattamento della Panencefalite Sclerosante Subacuta e' citato a pag. 549 del testo


"MARTINDALE - The Extra Pharmacopoeia
Thirtieth Edition
Edited by James E. F. Reynolds
London -THE PHARMACEUTICAL PRESS -1993"

a cui si rimanda, ed in cui e' riportato:


Subacute Sclerosing Panencephalitis

Various early reports indicated that some patients with subacute sclerosing panencephalitis might benefit from inosine pranobex while other reports indicated that it offered no benefit. However, a large multicentre nonrandomised study covering 98 patients found that inosine pranobex seemed to be able to prolong life in patients with this condition when given in doses of 100mg per kg body-weight daily by mouth for periods ranging from less than one month to 9.5 years. The organisation of the study, which involved comparing survival in the treated group with 3 control groups, produced criticism and doubts on the validity of the findings. The study also prompted a reminder that subacute sclerosing panencephalitis can be successfully prevented by efficient measles vaccination. Further investigations of patients treated with inosine pranobex indicated that responses were greater in patients with slowly developing or chronic disease than in those with rapidly developing subacute sclerosing panencephalitis.

See also:

1 Streletz LJ, Cracco J. The effect of isoprinosine in subacute sclerosing panencephalitis (SSPE). Ann Neurol 1977, 1: 183-4.

2. Huttenlocher PR, Mattson RH. Isoprinosine in subacute sclerosing panencephalitis. Neurology 1979, 29: 763-71.

3. Silverberg R, et al, Inosiplex in the treatment of subacute sclerosing panencephalitis. Arch Neurol 1979, 36: 374-5.

4. Haddad FS, Risk WS. Isoprinosine treatment in 18 patients with subacute sclerosing panencephalitis: a controlled study. Ann Neurol 1980, 7: 185-8.

5. Jones CE, et al. Inotiplex therapy in subacute sclerosing panencephalitis: a multicentre, non-randomised study in 98 patients. Lancet 1982., i: 1034-7.

6. Anonymous. Inosiplex: antiviral. immunomodulator, or neither? Lancet 1982., i: 1052-4.

7. Chaimers TC, Smith H. Inosiplex for SSPE. Lacet 1982; i: 1475.

8. Jones C. Inosiplex for SSPE. Lancet 1982; ii: 495.

9. DuRant RH, et al. The influence of inosiplex treatment on the neurological disability of patients with subacute sclerosing panencephalitis. J Pediatr 1982; 101: 288-93.

10. DuRant RH, Dyken PR. The effect of inosiplex on the survival of subacute sclerosing panencephalitis. NeuroIogy 1983; 33: 1053-5.


8 ottobre 1995

Avendo in cura due pazienti affetti da morbo di Lapeyronie, gradirei avere informazioni sulle più recenti cure applicabili in tali casi.

Risponde la dott.sa Silvana Zeni della Divisione di Reumatologia del nostro Istituto, nonché della Cattedra di Reumatologia dell'Universita' di Milano:

Riferisco una segnalazione aneddotica su un paziente con sclerodermia e morbo di Lapeyronie; il paziente è stato trattato con successo dallo specialista urologo con Oxinorm locale

4 ottobre 1995

Siamo due medici odontoiatri lombardi
e stiamo eseguendo uno studio statistico scientifico
sull'anatomia canalare dei denti.

Ci occorrono tutti i tipi di denti estratti al fine di aumentare il campione statistico su cui eseguire le indagini.
Se siete medici odontoiatri ed avete interesse a collaborare con noi in questo studio, potete inviarci i campioni di denti da voi raccolti.
Si suggerisce di contenere i denti in soluzione di formaldeide al 10% e riporli in contenitori ermetici (i più pratici sono i tubetti porta rullini fotografici).
I campioni devono essere necessariamente catalogati con i riferimenti del caso (es: incisivo centrale superiore di destra: 1.1, oppure primo molare superiore sinistro: 2.6 - con riferimento alla numerazione internazionale).
Lo studio verra' pubblicato su Riviste nazionali di entodonzia.

Per ulteriori informazioni utilizzare il nostro servizio di e-mail fatateam@www.see.it oppure contattare il

dr. Claudio Citterio
via Vittorio Emanuele 26
20052 Monza (MI)

26 settembre 1995

Sono un medico siciliano e ricerco urgentemente specialisti, in tutto il mondo, per sospetto morbo di Behcet di cui potrebbe essere affetto un mio paziente.

Il malato presenta una sintomatologia plausibilmente ascrivibile a tale morbo:

Risponde la dott.sa Silvana Zeni della Divisione di Reumatologia del nostro Istituto, nonché della Cattedra di Reumatologia dell'Universita' di Milano:

I sintomi riferiti possono essere inquadrati in un morbo di Behcet. Per la conferma diagnostica sara' utile eseguire la tipizzazione HLA poiché la presenza dell'antigene HLA B51 si associa significativamente a tale malattia. Gli altri esami di laboratorio sono quelli tipici di una malattia infiammatoria acuta.
Un altro test di un certo significato diagnostico, anche se aspecifico, puó essere il Pathergy Test (la puntura della cute con ago sterile provoca la comparsa di una lesione pustolosa a contenuto sterile; tale lesione puo' rinvenirsi anche nelle sedi di prelievo venoso).
Data la presenza di trombosi della vena cava sara' utile ricercare la presenza di anticorpi antifosfolipidi.

Linee generali di terapia: steroidi, immunosoppressori, ciclosporina, colchicina, antiinfiammatori.

I medici che volessero fornire ulteriori informazioni possono utilizzare direttamente il nostro servizio e-mail fatateam@www.see.it oppure contattare il medico richiedente.


25 settembre 1995

L'associazione Sprofondo di Como, unitamente alla diocesi di Brescia, segretariato per la Pastorale giovanile, ha raccolto un appello dell'Associazione Poliomelitici di Sarajevo che ha girato a noi.
Si sta cercando di reperire del materiale ortopedico per l'assistenza a oltre cento invalidi della capitale della Bosnia che sia di buona qualita' e a basso prezzo. In seguito verra' fornita la lista dettagliata del materiale necessario.

Per fornire informazioni potete utilizzare direttamente il nostro servizio e-mail fatateam@www.see.it oppure indirizzandole a Stefano Scorini.

Ci è giunta questa richiesta:

Desiderei ricevere informazioni sulle strutture che si trovino nel Sud Italia (possibilmente Campania) dotate di ambulatorio e day hospital per la cura del Lupus Eritematoso Sistemico. La paziente presenta problemi alle ossa.

A tal fine segnaliamo:

- Divisione medicina generale e reumatologia - Clinica medica

   I facolta' di medicina

   tel. 081 - 46.44.87

   tel. 081 - 74.62.344


- Cattedra di reumatologia

   II facolta' di medicina - Policlinico

   tel. 081 - 74.62.116


Ambedue le strutture sono a Napoli.



Riccardo, bimbo di 9 anni, è affetto da:

E' stato individuato nel Prof. Gardner, della Carnell University di New York, lo specialista adatto ad un concreto aiuto per le sue patologie.
Per permettere una cura sistematica sono necessari diversi fondi finanziari: chiunque puo' contribuire con una propria offerta indirizzandola alla Caritas Diocesana di Civitacastellana, sezione di Anguillara Sabazia, presso la Parrocchia S.M. Assunta, 00061 Anguillara Sabazia (Roma).


Comitato Maria Letizia Verga

Il Comitato Maria Letizia Verga riunisce genitori, parenti, amici dei bambini leucemici presso il Centro di Ematologia Pediatrica dell'Universita' di Milano, all'Ospedale San Gerardo di Monza, diretto dal Prof. Giuseppe Masera, e si propone di partecipare con impegno alla lotta contro la leucemia.
In particolare questi sono i principali obiettivi:

Di leucemia si puo’ guarire

In un numero sempre maggiore di casi si ottengono lunghe remissioni complete (scomparsa della malattia) che persistono nel tempo anche dopo la sospensione di ogni cura. L'obiettivo della strategia terapeutica e' oggi considerato "la guarigione completa" intesa come completo recupero fisico e psico-sociale del bambino.

Risultati incoraggianti

Nella leucemia linfoblastica acuta dell’infanzia in questi ultimi anni si sono fatti passi da gigante:
in oltre il 95% dei casi si raggiungono remissioni complete;
nel 70-75% dei casi si hanno guarigioni vere e proprie.
Meno clamorosi sono i progressi ottenuti fino ad ora nella leucemia mieloblastica acuta: nell'80% dei casi si ottiene la remissione e nel 30% circa, la guarigione.
Il trapianto di midollo, in casi selezionati, costituisce un'ulteriore possibilita' per migliorare i risultati prima indicati.
Sempre piu' numerosi sono i casi che giungono a sospendere le cure e proseguono in condizioni del tutto normali: piu' di 400 sono seguiti presso il Centro di Ematologia di Monza e oltre 3000 sono segnalati, da un recente censimento, da tutta Italia.
Questi risultati si ottengono solo in centri altamente specializzati. E' importante che il bambino leucemico venga assistito in reparti di Ematologia Pediatrica, che abbiano un adeguato assetto organizzativo per quanto riguarda personale qualificato, spazi assistenziali, laboratori di ricerca.


Tutti possono aiutare il Comitato

L'aiuto di ognuno di noi e' prezioso nel sostenere l'iniziativa del Comitato Maria Letizia Verga, nel farlo conoscere ad un numero piu' ampio di persone, nel garantire un adeguato apporto economico.
Il Comitato assicura che i mezzi di cui potra' disporre verranno utilizzati rapidamente ed efficacemente per conseguire gli obiettivi prima indicati.
Il notiziario, che viene inviato a tutti i soci, fornisce informazioni periodiche sulle iniziative del Comitato oltre che sui problemi che esso puo' incontrare, rende partecipi sia delle difficolta' che dei successi.


Per ulteriori informazioni ci si puo' rivolgere a:
Nuovo Ospedale San Gerardo - Villa Serena
Via Donizzetti 106 - 20052 MONZA
Tel. (039) 2333526 - Fax (039) 388729


From: Rodolfo Falvo 
Date: Fri, 21 Apr 95 11:15:06 -700
Subject: APPELLO MEDICO URGENTE

In data 8 maggio u.s abbiamo ricevuto un appello medico urgente per una bambina di 8 mesi, affetta da "cardiomiopatia dilatativa", ricoverata all'ospedale "Bambino Gesù" di Roma che, per salvarsi, doveva poter subire un TRAPIANTO di CUORE.
Il medico curante, Dr. SZULC, con cui siamo stati costantemente in contatto in questo lungo periodo di attesa, ci ha comunicato che venerdi` 7/7/95 GHILA è stata TRAPIANTATA. L'intervento, eseguito dall'equipe del prof. Marcelletti, è durato 5 ore.

Ora la bimba è in terapia intensiva, ma i sanitari sono fiduciosi.

Grazie a chiunque abbia contribuito al buon esito di questa terribile avventura.


<- appelli anno 1996
appelli anno 1997 ->


Infomed
medicina ad salutem reducere


Questo spazio è a disposizione di chi volesse lasciare messaggi analoghi che, tramite il nostro servizio WWW, verranno rilanciati.

Mandate i vostri messaggi a:
fatateam@www.see.it

Associazione Scientifica FATA Team
un piccolo contributo a favore di chi piu` ha bisogno

*** ***